Esiste la dieta in menopausa?

dieta in menopausa

In caso di menopausa il piano alimentare per perdere peso è una dieta chetogenica, in cui si escludono i carboidrati. La restante parte è caratterizzata da proteine e soprattutto grassi buoni. Una dieta chetogenica sarà costituita principalmente da secondi, contorni, frutta secca e yogurt. Terminata la dieta chetogenica si potrà proseguire con una dieta ipocalorica ed equilibrata, al fine di non prendere peso e mantenere il peso ideale stabile nel tempo.

In questa fase si consiglia un buon apporto di fibre e micronutrienti, frutta, verdura e cereali integrali, e di ridurre contemporaneamente l’assunzione di grassi e di carboidrati raffinati. (1) Poiché la massa magra tende a diminuire e quindi il dispendio energetico ad abbassarsi, una dieta in menopausa troppo calorica farebbe prendere peso nel tempo. Soprattutto se non tiene conto della possibile resistenza all’insulina e di tutti gli altri fattori infiammatori metabolici presenti.

cibi chetogenici

Le raccomandazioni scientifiche in merito allo stile di vita nella menopausa, sottolineano l’importanza di combinare la dieta con l’esercizio. Un’attività fisica limitata durante la menopausa, accelera il progresso dell’invecchiamento e aumenta il rischio cardiovascolare e di osteoporosi. Basta poco, un esercizio fisico regolare (30 minuti / giorno, almeno 2,5 ore / settimana) è il miglior predittore per raggiungere il controllo del peso a lungo termine e previene gli eventi cardiovascolari. Naturalmente associare l’esercizio fisico alla dieta, aiuta a promuovere una maggiore perdita di peso. In particolare la massa grassa, mentre la massa magra è mantenuta e la massa ossea addirittura aumenta. 

L’esercizio fisico a lungo termine è anche associato a tassi ridotti di incidenza di cancro, di demenza e declino cognitivo, sbalzi dell’umore, ansia e riduzione dell’osteoporosi, dell’osteopenia, delle cadute e delle fratture. Un’attività fisica benefica comprende esercizi che promuovono l’idoneità cardiovascolare (aerobica), la forza muscolare (resistenza), la flessibilità (stretching) e l’equilibrio (molte delle precedenti e attività aggiuntive come lo yoga). (2, 3)

Infine se l’aumento di peso in menopausa è causa di uno squilibrio ormonale, è da supporre che una terapia ormonale sostitutiva (HTM) possa essere di aiuto. Ci sono molte prove che la terapia sostitutiva riduce l’obesità, diminuisce la massa grassa addominale, abbassa i livelli di glucosio e di insulina a digiuno, aumenta il profilo lipidico e di conseguenza, riduce il rischio cardiovascolare. E ‘noto che il trattamento deve essere iniziato durante la perimenopausa o nel primi anni dopo la menopausa. Se iniziato più tardi, potrebbe anche essere controproducente e dannoso.  (1)

FONTI

  1. Obesity in menopause – our negligence or an unfortunate inevitability?.Prz Menopauzalny. 2017 Jun;16(2):61-65
  2. Physical activity modifies genetic susceptibility to obesity in postmenopausal women. Menopause. 2018 May 14
  3. Menopause and exercise. Menopause. 2015 Dec;22(12):1351-8

Condividi l'articolo!

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su email
logo

Scarica Ora la Tua Guida Ufficiale della Dieta Chetogenica!

Inserisci la Tua Email per ricevere subito la Guida!