RIDUZIONE DEI CARBOIDRATI IN MENOPAUSA

vantaggi chetogenica in menopausa

La riduzione dei carboidrati in menopausa può portare dei vantaggi? Leggi l’articolo e scopriamolo insieme.

La dieta che viene comunemente adottata in Italia prevede un grande consumo di carboidrati di varia natura, dal pane e la pasta, dalla pizza alle focacce. Tutti questi alimenti, per quanto gustosi, rappresentano un importante carico calorico da gestire per il metabolismo e per la glicemia, ovvero la concentrazione di zucchero, o meglio di glucosio, nel sangue. Questa problematica è ancora più importante per le donne in menopausa, nelle quali i cambiamenti ormonali generano già un disequilibrio nei meccanismi di controllo che regolano la quantità degli zuccheri nel sangue, creando dei rischi notevoli per la salute.

menopausa

L’EQUILIBRIO DELL’INSULINA ED I RISCHI CONNESSI ALL’IPERGLICEMIA

In un soggetto normale dal punto di vista metabolico, la quantità di zucchero (glucosio) che si trova nel sangue viene definita “glicemia” ed è regolata da due ormoni: l’insulina e il glucagone. Il primo si occupa di ridurre i livelli di zuccheri quando questi sono troppo elevati, come ad esempio dopo un pasto (specialmente se abbondante e ricco di carboidrati), mentre il secondo è incaricato di alzare la glicemia quando questa si abbassa, ad esempio durante i periodi di digiuno, liberando gli zuccheri dalle scorte contenute nel corpo. Durante i periodi di sazietà gli zuccheri assimilati con la dieta vengono utilizzati per costruire grasso, riserve di zuccheri nel fegato e nuove fibre muscolari, mentre durante i periodi di digiuno essi vengono consumati per produrre energia.

Durante la menopausa si è osservato che la riduzione nella produzione degli ormoni sessuali femminili (tra cui soprattutto gli estrogeni), propria di questo periodo particolare, causa una riduzione della “sensibilità insulinica”, ovvero l’azione di tale ormone sui tessuti diventa meno efficace e come risultato meno zuccheri vengono utilizzati dai tessuti e dalla cellule per costruire riserve energetiche.

Questo meccanismo apparentemente innocuo ha però ripercussioni notevoli, predisponendo le donne ad aumentati livelli di glucosio nel sangue per lunghi periodi. L’eccesso di zucchero nel sangue si chiama “iperglicemia” e questo stato, prolungato negli anni, ha l’effetto di aumentare i livelli di infiammazione nei tessuti dell’organismo. E’ infatti importante capire e fissare nella mente che dove c’è iperglicemia c’è infiammazione, per le modifiche che l’eccesso di glucosio determina sulle proteine dei tessuti e sui vasi sanguigni che apportano sangue ai tessuti stessi.

Un potenziamento dell’infiammazione generale nell’organismo è il primo gradino per lo sviluppo di danni ben più importanti a livello di vasi sanguigni ed organi. La scarsa efficacia dell’insulina sui tessuti è una condizione nota come “resistenza insulinica”, ed è considerata dai professionisti sanitari come un importante fattore di rischio per lo sviluppo di patologie cardiovascolari, del diabete mellito di tipo II e di alterazioni metaboliche di varia natura.

Detto ciò, non pensi che la riduzione dei carboidrati in menopausa può portare dei vantaggi?

UNA DIETA A CARBOIDRATI LIMITATI “LOW CARB”

La potenzialità della dieta chetogenica in questo ambito in particolare è data dalla capacità di quest’ultima di favorire positivamente l’equilibrio glicemico nel sangue e nel corpo e di ridurre in modo efficace la resistenza insulinica che accompagna le alterazioni ormonali della menopausa. Una riduzione dei carboidrati nella dieta aiuta a “disintossicare” il corpo dagli stessi, a ricalibrare correttamente la funzione dei recettori che legano l’insulina e ne permettono l’azione sui tessuti, ed infine a prevenire le complicanze che si accompagnano all’alterazione del metabolismo degli zuccheri e allo stato di iperglicemia.

Un interessante studio condotto su donne affette da ovaio policistico ha dimostrato che un approccio alimentare a ridotti carboidrati, come appunto nel caso della dieta chetogenica, ha permesso di ottenere un notevole controllo del peso, un miglior equilibrio ormonale ed una minore resistenza recettoriale all’insulina.

Un altro studio importante ha concluso che una dieta a bassi carboidrati e ad alti grassi, quindi un approccio chetogenico, parrebbe determinare un aumento dei livelli di colesterolo HLD, il colesterolo “buono”, e di conseguenza avere qualche effetto positivo sulla prevenzione del fenomeno dell’”aterosclerosi”, ovvero dell’accumulo di grassi sulla parete dei vasi sanguigni, importante fattore di rischio per il cuore ed i vasi.

Tuttavia, questo è ancora un campo da esplorare nel contesto della menopausa ma che verosimilmente potrebbe apportare un ulteriore vantaggio alle donne che decidessero di testare questo approccio alimentare. Per concludere, una piacevole aggiunta riguarda il fatto che sembra esserci una correlazione tra riduzione dei carboidrati in menopausa ed una migliore qualità del sonno, che spesso viene alterato dai disturbi della menopausa.

Ti è piaciuto il nostro articolo sulla riduzione dei carboidrati in menopausa? E non finisce qui, nuovi articoli a breve sulla nostra pagina.

 

References

[1]: Mauvais-Jarvis F, Clegg DJ, Hevener AL. The role of estrogens in control of energy balance and glucose homeostasis. Endocr Rev. 2013 Jun;34(3):309-38. doi: 10.1210/er.2012-1055. Epub 2013 Mar 4. PMID: 23460719; PMCID: PMC3660717.

[2]: Lin KC, Tsai ST, Kuo SC, Tsay SL, Chou P. Interrelationship between insulin resistance and menopause on the metabolic syndrome and its individual component among nondiabetic women in the kinmen study. Am J Med Sci. 2007 Apr;333(4):208-14. doi: 10.1097/MAJ.0b013e31803bb22c. PMID: 17435412.

[3]: Stefanska A, Bergmann K, Sypniewska G. Metabolic Syndrome and Menopause: Pathophysiology, Clinical and Diagnostic Significance. Adv Clin Chem. 2015;72:1-75. doi: 10.1016/bs.acc.2015.07.001. Epub 2015 Aug 21. PMID: 26471080.

[4]: Mandrup CM, Egelund J, Nyberg M, Enevoldsen LH, Kjær A, Clemmensen AE, Christensen AN, Suetta C, Frikke-Schmidt R, Steenberg DE, Wojtaszewski JFP, Hellsten Y, Stallknecht BM. Effects of menopause and high-intensity training on insulin sensitivity and muscle metabolism. Menopause. 2018 Feb;25(2):165-175. doi: 10.1097/GME.0000000000000981. PMID: 28953212.

[5]: Chang SC, Yang WV. Hyperglycemia, tumorigenesis, and chronic inflammation. Crit Rev Oncol Hematol. 2016 Dec;108:146-153. doi: 10.1016/j.critrevonc.2016.11.003. Epub 2016 Nov 13. PMID: 27931833.

[6]: Whitcroft S, Herriot A. Insulin resistance and management of the menopause: a clinical hypothesis in practice. Menopause Int. 2011 Mar;17(1):24-8. doi: 10.1258/mi.2011.011003. PMID: 21427422.

[7]: Boonyaratanakornkit V, Pateetin P. The role of ovarian sex steroids in metabolic homeostasis, obesity, and postmenopausal breast cancer: molecular mechanisms and therapeutic implications. Biomed Res Int. 2015;2015:140196. doi: 10.1155/2015/140196. Epub 2015 Mar 19. PMID: 25866757; PMCID: PMC4383469.

[8]: Liu X, Zhang G, Ye X, Li H, Chen X, Tang L, Feng Y, Shai I, Stampfer MJ, Hu FB, Lin X. Effects of a low-carbohydrate diet on weight loss and cardiometabolic profile in Chinese women: a randomised controlled feeding trial. Br J Nutr. 2013 Oct;110(8):1444-53. doi: 10.1017/S0007114513000640. Epub 2013 Mar 25. PMID: 23522432.

[9]: Sumithran P, Prendergast LA, Delbridge E, Purcell K, Shulkes A, Kriketos A, Proietto J. Ketosis and appetite-mediating nutrients and hormones after weight loss. Eur J Clin Nutr. 2013 Jul;67(7):759-64. doi: 10.1038/ejcn.2013.90. Epub 2013 May 1. PMID: 23632752.

[10]: Hamdy O, Tasabehji MW, Elseaidy T, Tomah S, Ashrafzadeh S, Mottalib A. Fat Versus Carbohydrate-Based Energy-Restricted Diets for Weight Loss in Patients With Type 2 Diabetes. Curr Diab Rep. 2018 Oct 17;18(12):128. doi: 10.1007/s11892-018-1103-4. PMID: 30328516; PMCID: PMC6209021.

[11]: Adeva-Andany MM, Martínez-Rodríguez J, González-Lucán M, Fernández-Fernández C, Castro-Quintela E. Insulin resistance is a cardiovascular risk factor in humans. Diabetes Metab Syndr. 2019 Mar-Apr;13(2):1449-1455. doi: 10.1016/j.dsx.2019.02.023. Epub 2019 Feb 22. PMID: 31336505.

[12]: Luigi Barrea, Paolo Marzullo, Giovanna Muscogiuri, Carolina Di Somma, Massimo Scacchi, Francesco Orio, Gianluca Aimaretti, Annamaria Colao, Silvia Savastano, Source and amount of carbohydrate in the diet and inflammation in women with polycystic ovary syndrome, Nutrition Research Reviews, 10.1017/S0954422418000136, (1-11), (2018).

[13]: Mavropoulos JC, Yancy WS, Hepburn J, Westman EC. The effects of a lowcarbohydrate, ketogenic diet on the polycystic ovary syndrome: a pilot study. Nutr Metab. 2005; 2: 35– 46.

[14]: Thorning TK, Raziani F, Bendsen NT, Astrup A, Tholstrup T, Raben A. Diets with high-fat cheese, high-fat meat, or carbohydrate on cardiovascular risk markers in overweight postmenopausal women: a randomized crossover trial. Am J Clin Nutr. 2015 Sep;102(3):573-81. doi: 10.3945/ajcn.115.109116. Epub 2015 Jul 15. PMID: 26178720.

[15]: Zhu B, Grandner MA, Jackson NJ, Pien GW, Srimoragot M, Knutson KL, Izci-Balserak B. Associations between Diet and Sleep Duration in Different Menopausal Stages. West J Nurs Res. 2021 Jan 20:193945920986788. doi: 10.1177/0193945920986788. Epub ahead of print. PMID: 33472564.

Condividi l'articolo!

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su email
logo

Scarica Ora la Tua Guida Ufficiale della Dieta Chetogenica!

Inserisci la Tua Email per ricevere subito la Guida!